Digart
security 04/10/2005 21.45.26
   
 

 

 Navigazione
   


 

comunicato stampa in pdf

press release in pdf

I Nuovi Miti Contemporanei di Marcello Mazzella

Il nuovo millennio si è aperto con l'accresciuta consapevolezza che le forme del visivo siano in continua evoluzione, grazie all'audiovisivo, agli spazi e alla ritualità del cinema e alle sue icone, alla moda, ai Media Digitali con particolare attenzione alle sue componenti più innovative, ovvero il cosiddetto “New Internet” (Smartphone, Tablet, Connected Tv, Applicazioni, Social Network, Video Online e Programmatic Advertising),alle citazioni della cultura di massa e agli interventi di puro divertissement kitsch. Marcello Mazzella rappresenta una delle figure chiave tra i grandi spiriti indipendenti e libertari della tradizione non solo europea ma anche americana. Sperimentatore come pochi nell'arte, ma anche in campi che vanno dalla musica all'happening, dai media ai playlist, dai framed & frame ai workshops fino ai doppiaggi e ai casting. Questo suo nomadismo lo ha portato oggi a vivere, a leggere e a produrre tutto un capitolo su strutture narrative che indaga sui “Nuovi Miti del Contemporaneo”, grandi teleri che raccontano il culto della giovinezza, il culto della bellezza, il culto della fisicità, il culto idolatrico dell’intelligenza, il culto ossessivo della crescita economica, il culto della moda, il culto del New Age ovvero stili di vita, filosofie, religioni e medicine alternative, ecc. Sono i miti di oggi, ed è un vasto scenario in evoluzione. O meglio, sono alcuni dei “falsi miti” che pervadono e plasmano la nostra società; quelli che la pubblicità e i mezzi di comunicazione di massa propongono come valori e impongono come pratiche sociali, fornendo loro un linguaggio che li rende appetibili e desiderabili.
Marcello Mazzella racconta pittoricamente la genesi dei suoi modelli, come abbiano raggiunto lo status di culto e come la loro percezione si stia evolvendo attraverso dinamiche storiche, sociali e culturali che ne hanno influenzato e consentito il successo: dall’avvento dei mass-media, alla politica e alla religione. L’analisi delle singole opere ne svela la narrazione, la lettura istruttiva e avvincente, il racconto che si nasconde dietro la nascita di questi miti. La società di massa ha adottato questi miti che sono diventati familiari, patrimonio pubblico e privato, giacchè ognuno può così diventare icona, e da icona mito. Ma questo contemporaneo, questo tracciato parte dagli anni Sessanta del Novecento quando vi fu un momento fondamentale per il successo di tutte le immagini, ovvero quando la riproduzione a basso costo, la publicità, i viaggi e l'accesso popolare a mostre e musei hanno provocato una massiccia espansione del panorama visivo disponibile a tutti; e l'affissione murale, la televisione, il cinema, il packaging hanno riportato le immagini a quello stadio in cui sono tutte potenzialmente venerabili. La titolazione dei “Nuovi Miti” è utilizzata da Marcello Mazzella come indicazione complessiva di una lunga ricerca, che ha visto affiancare alle immagini fotografie di vita comune, di strade e di persone; e il dipinto,ogni dipinto, nella serie, assume un valore quasi simbolico e diviene una chiave di lettura per guardare alla quotidianità, sempre più inserita in un sistema di consumo e di intrattenimento. E' così il lavoro di Marcello Mazzella è sempre più permeato all’interno della cultura beat e del New Age e all’identità dell’artista inizia a sovrapporsi la figura del viaggiatore solitario, istintivo e senza meta, alla continua ricerca di nuove strade da percorrere e nuovi mondi da raccontare. A proposito di quest' ampia serie di teleri, flash dipinti, scatti realizzati ove l’artista racconta che l’idea è stata quella di andare a caccia della realtà che si ha davanti agli occhi, di ciò che ci sta intorno e che abbiamo dinanzi a noi. Si tratta di un continuo botta e risposta tra lui e la realtà. In questo modo vede, conosce e partecipa alla vita sociale che ci circonda. La realtà proiettata davanti ai suoi occhi è per lo più un mistero, che indaga; all'interno di questo enigma ci sono varie sfaccettature, l'erotismo, la bellezza, il divertimento, ecc.,la totalità mette in piedi un puzzle infinito. E prima di rappresentare e dipingere, Marcello Mazzella cammina nella città, ma è come camminare in un labirinto. Nella serie dei nuovi miti mette in scena, in uno spazio asettico e sintetico, donne e uomini nudi o vestiti di uniformi identiche e dalle movenze simili: sembrano automi intercambiabili, programmati per deliziare chi li guarda o per servire diligentemente un ipotetico avventore. Lottano, pregano, riflettono, meditano, fanno sport, ecc. Più che una critica all’omologazione imposta dalla moda l’artista propone una riflessione sulla difficoltà a costruire la propria identità in un mondo dominato dal consumismo, dove la libertà degli individui viene intaccata fin nella capacità stessa di percepire ciò che realmente si desidera.

Milano, 8 marzo 2015 Carlo Franza

 

 

 

Press Release in PDF

http://www.amaci.org/gdc/nona-edizione/digart

“suono materico d’acqua”
Suoni di Marcello Mazzella
Ho percorso un tratto del Naviglio Piccolo (Martesana) e ne ho
registrato alcuni frammenti d’immagini e suoni. In questa fase ho
rielaborato le parti audio, per crearne suggestioni sonore, che ripropongo dal vivo con effetti digitali.




Il contenuto di questa pagina richiede una nuova versione di Adobe Flash Player.

Scarica Adobe Flash Player

http://www.tecarteco.net/2011/04/21/water-is-us

Water is Us
sezione OpenLabs | Pad. Conza - via Campo Marzio
installazione interattiva di Marcello Mazzella,
con il contributo scientifico Prof.ssa Marina Nova
Courtesy Dieci.Due! Gallery


L’acqua. L’acqua che consente la vita, quella che disegna, scolpisce e modifica il territorio e il paesaggio,
quella che allaga, quella che violenta, ma che è anche spesso violentata, quella governata e quella libera di
scegliere il suo percorso.
L’acqua, le cui dinamiche si possono comprendere solo dopo aver conosciuto lo stretto rapporto che ha con
il territorio con cui viene a contatto, così come il suo ciclo nel tempo e nello spazio. Un fluido imprevedibile:
così come origina ambienti naturali di grande rilevanza, determina e condiziona la storia umana, con le sue
grandi civiltà, le tradizioni, le culture e le economie locali.
L'artista ha realizzato un video interattivo che riprende il fluire dell’acqua nel lago di Lugano. La
componente interattiva è quella che introduce, con una modalità ancora differente, l’idea di traccia: una
webcam posta sul computer intercetta e registra la presenza degli spettatori che osservano il video, e ne
restituisce una traccia in tempo reale. In questo modo la scena filmata subisce le interferenze della realtà,
modificando la propria immagine realistica in una immagine dai connotati più astratti ed evanescenti.


 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 
           

 

 
 
Torna Indietro | Torna su
Aggiungi a Preferiti | Imposta HomePage
 
anonimato hacker sicurezzaCopyright 2015 Digart Tutti i diritti riservati
#